International Summer School in Cultural Landscapes Studies




Il Paesaggio insegna. Il ruolo della formazione nella diffusione e nello sviluppo della Convenzione europea del Paesaggio. 4-9 settembre 2006

La "partecipazione", dunque i possibili modi per coinvolgere le comunità locali nel processo di trasformazione del paesaggio, è stato il tema dell’International Summer School in Cultural Landscapes Studies che si è tenuta presso la Corte Ospitale di Rubiera a pochi chilometri da Reggio Emilia sulla via Emilia verso est.
Il programma punta a stabilire il peso assunto da educazione e formazione nella diffusione della Convenzione europea del Paesaggio; coscienza che può essere misurata in base alla capacità di interpretare e dare senso alle trasformazioni che il territorio ha subito, o potrà subire, sotto il peso di fenomeni di progressiva urbanizzazione.
Le trasformazioni, segno tangibile dell’inarrestabile antropizzazione del suolo, comportano l’alterazione spesso irreparabile dei paesaggi: da quelli culturali e sociali (si pensi al soccombere della cultura contadina rispetto a quella urbana), ai paesaggi ecologici. Meno noto, almeno nella tradizione italiana, è invece il ricorso “positivo” al processo di trasformazione territoriale, nell’intento di migliorare o aumentare le stesse qualità paesaggistiche di determinati ambiti urbani o territoriali. Compito della Summer School 2006 è stato quello di verificare quest’ultima possibilità confrontando esperienze condotte in diverse realtà europee (in particolare la Francia, la Spagna e l’Italia) nell’intento di trasferire una parte delle conoscenze tecniche alle comunità locali affinché possano esercitare a pieno il loro ruolo di protagoniste di tali cambiamenti. (foto della Corte Ospitale di Rolando Paolo Guerzoni)

La Summer School ha avuto diversi momenti di dialogo tra open house e tavole rotonde.


Lunedì 4 settembre
Open House: dalle 18 alle 20.
Il concetto di paesaggio nella cultura contemporanea
Sono stati invitati a intervenire:
LINA MARIA CALANDRA - geografa, Università dell'Aquila
FRANCO GUERZONI - artista

Martedì 5 settembre
Il paesaggio: un costo o un valore?
Open House: dalle 18 alle 20.
Sono stati invitati a intervenire:
FRANCESCO VALLERANI - geografo, Università di Venezia (Ca' Foscari)
FRANCO FARINELLI - geografo, Università di Bologna
BRUNO ANASTASIA - economista, Università di Venezia (Ca' Foscari)

Mercoledì 6 settembre
Open House: dalle 18 alle 20.
Paesaggi e “paesaggi di paesaggi”
Sono stati invitati a intervenire:
PIERO ORLANDI - responsabile del servizio programmazione e sviluppo dell'attività edilizia, Regione Emilia Romagna
LEONARDO CIACCI - urbanista, Università di Venezia (Iuav)
LINEA DI CONFINE per la Fotografia Contemporanea (Associazione Culturale Comune di Rubiera)

Giovedì 7 settembre
Open House: dalle 18 alle 20.
Paesaggio e infrastrutture
Sono stati invitati a intervenire:
BRUNO ZANON - urbanista, Università di Trento
SEBASTIANO PARMEGIANI - pianificatore, Università di Ferrara

Venerdì 8 settembre
Open House: dalle 18 alle 20.
Paesaggi su misura
Sono stati invitati a intervenire:
MICHELE ZANELLI - responsabile servizio riqualificazione urbana, Regione Emilia Romagna
GIOVANNI CATELLANI - assessore alla Cultura, Comune di Reggio Emilia
CARLO QUINTELLI - università di Parma. Direttore del festival dell'architettura

Sabato 9 settembre
Tavola Rotonda: dalle 10 alle 13.
Il paesaggio nelle politiche territoriali europee: passato, presente, futuro
GIULIANA MOTTI - architetto, assessore alla cultura e al paesaggio, Provincia di Reggio Emilia
ANNA MARIA CAMPEOL - dirigente servizio pianificazione territoriale e ambientale, Provincia di Reggio Emilia. Docente di "Gestione dei progetti urbani", Politecnico di Milano.
VICTOR TENEZ - Università Politecnica di Catalogna. Co-responsabile della Biennale europea del paesaggio (Barcellona)
JEAN-FRANCOIS SEGUIN - responsabile dell'ufficio dei paesaggi presso il Ministero francese della gestione del territorio e dell'ambiente
Moderatori:
STEPHANE BOSC, Ecole d’architecture Montpellier Languedoc Rousillon;
FRANCESCA LEDER, CISPC, Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Ferrara;
CARLES LLOP, DUOT, Universitat Politècnica de Catalunya.


Promossa da:

Biennale del Paesaggio
Assessorato alla Cultura e al Paesaggio
Provincia di Reggio Emilia


In collaborazione con:

Centro Internazionale
di Studi sui Paesaggi Culturali
Università degli Studi di Ferrara


Coordinamento scientifico:

Stephane Bosc, Ecole d’architecture Montpellier Languedoc Rousillon
Francesca Leder, CISPC, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara
Carlos Llop, DUOT, Universitat Politècnica de Catalunya.